RISORSE UMANE

COME ASSUMERE

C’è la possibilità che stiate sbagliando tutto

Patty McCord

Marzo 2018

Odio veramente l’espressione “A player”. Implica un sistema di valutazione comparativa che permette di stabilire chi sarà più indicato per una determinata posizione. Gli esperti di gestione delle risorse umane mi chiedono sempre come facesse Netflix, dove sono stata chief talent officer dal 1998 al 2012, ad assumere solo collaboratori di altissimo profilo. Io rispondo: «C’è un’isola popolata esclusivamente di A player, ma solo alcuni di noi sanno dove si trova». Per la verità, l’A player di un’azienda potrebbe essere un B player in un’altra azienda. Molte delle persone che abbiamo lasciato andar via da Netflix perché non eccellevano nel nostro business hanno fatto benissimo da altre parti. Scoprire le persone giuste non è solo questione di “integrazione culturale”. Quello che intendono dire veramente quasi tutti quando parlano di una persona ben integrata dal punto di vista culturale è che andrebbero a bere volentieri una birra con lui o con...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!