GRANDI IDEE

Raggiungere i consumatori più poveri del mondo ricco

Cinque aziende leader hanno adattato i modelli di business del no-profit per servire la base della piramide in Francia.

MUHAMMAD YANUS, FRÉDÉRIC DALSACE, DAVID MENASCÉ E BÉNÉDICTE FAIVRE-TAVIGNOT

Marzo 2015

LA POVERTÀ NON AFFLIGGE SOLO I PAESI EMERGENTI. Stando al Census Bureau, negli Stati Uniti più di 45 milioni di persone, ossia il 15% della popolazione, sono ufficialmente povere. Per giunta, dall’inizio del XX secolo questa percentuale è aumentata tutti gli anni tranne uno (il 2006). Con il 16%, il Giappone non sta facendo di meglio. E nell’Unione Europea quasi 120 milioni di persone - una su quattro – si considerano a rischio di povertà o di esclusione sociale. In passato, le aziende dei Paesi sviluppati hanno sostanzialmente ignorato i bisogni di questi gruppi. Sanno benissimo che non tutti i loro clienti sono ricchi, e molte hanno investito grosse somme nello sviluppo di prodotti e servizi a basso costo, tagliati espressamente su misura per chi ha un budget limitato. Quasi tutte le case automobilistiche offrono da decenni vetture “economiche”: la Ford Modello T, il Maggiolino Volkswagen, la Mini Minor e...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!