GOVERNANCE

Corporate Governance 2.0

Basta con le tortuose ricerche delle "best practices": torniamo ai principi di base

GUHAN SUBRAMANIAN

Marzo 2015

Oggi nei consigli d’amministrazione si fa un gran parlare di corporate governance, ma la ricerca accademica su questo argomento è un fenomeno relativamente recente. Le origini si possono far risalire ai primi studi condotti da Adolf Berle e Gardiner Means negli anni '30, ma il concetto di governo d’impresa così come lo conosciamo oggi è emerso solo gli anni '70. Applicare le “prassi migliori” non è semplice, perché bisogna muoversi in un insieme disorganico di norme, con un misto di autorità di regolamentazione pubbliche e private e la totale assenza di parametri condivisi per stabilire cos’è una buona corporate governance. Anche la natura del dibattito non aiuta: i toni accesi, un contrasto apparentemente insanabile fra investitori “attivisti” e manager, i conflitti di interesse dilaganti e le posizioni inconciliabili non lasciano spazio a una discussione seria. Ne esce fuori un sistema che all’inizio nessuno si sarebbe mai sognato di creare, con...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!