GUARDARE AVANTI

Il timore di essere diversi reprime i talenti

Kenji Yoshino e Christie Smith

Marzo 2014

La diversità costituisce un valore quasi universale nell’America delle imprese, ma i livelli superiori del management restano pervicacemente omogenei. Consideriamo i CEO delle Fortune 500; solo 23 sono donne, solo sei sono neri e nessuno è apertamente un gay. Perché così pochi progressi al vertice? Riteniamo che uno dei fattori sia un fenomeno che i sociologi chiamano “copertura”, secondo cui le persone tengono le loro differenze sotto tono rispetto all’andazzo dominante. Una persona disabile può per esempio trascurare di usare il bastone al lavoro, mentre un gay può evitare di usare “lui” o “lei” nel rispondere a domande sul partner. Tali comportamenti sono generati non solo da un’auto-censura o da un pregiudizio interiore ma anche dalla pressione dei manager. Deprime la fiducia e l’impegno dei dipendenti e, crediamo, tiene indietro le donne e le minoranze. Abbiamo raggiunto queste conclusioni dopo un sondaggio condotto presso 3.000 dipendenti di oltre 20 grandi...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!