SPECIALE / COME AVERE SUCCESSO AL VERTICE

Chi ha ottenuto quelle posizioni top?

I profili dei dirigenti e gli iter di carriera continuano a evolversi.

Peter Cappelli, Monika Amori e Rocio Bonet

Marzo 2014

OGNI EPOCA ha il suo profilo del top manager. Un secolo fa, quasi tutte le grandi imprese erano guidate da imprenditori – per esempio Henry Ford, che aveva fondato la propria casa automobilistica, e Alfred P. Sloan, la cui casa automobilistica era stata acquisita da General Motors. Negli anni Venti i manager professionali passavano in continuazione da un’azienda all’altra per occupare posizioni di alto livello. E negli anni Cinquanta i dipendenti “a vita” delle corporation scalavano progressivamente la gerarchia per arrivare in cima alla piramide. Il profilo del dirigente continua a evolvere. In “The New Road to the Top” (HBR, gennaio 2005), due di noi (Cappelli e Hamori) hanno confrontato i dieci top manager di ognuna delle aziende che figuravano nella classifica Fortune 100 del 1980 con i loro omologhi della classifica 2001, riscontrando un netto declino del “fedelissimo” che cresceva gradualmente dall’interno e una corrispondente ascesa dei “giovani rampanti”...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!