SPECIALE / IL FUTURO DELLA PUBBLICITÀ

Elogio dello spot creativo

JULIA KIRBY

Marzo 2013

A un decennio dall’inizio della rivoluzione pubblicitaria indotta da Internet, è veramente tutto finito per gli spot creativi? Guardando al web, verrebbe proprio da pensarlo. La tipica navigazione in Rete è costantemente inquinata dalle pubblicità di offerte per il rifinanziamento dei mutui e sistemi per perdere peso, nessuna delle quali reca l’impronta di grandi art director. Le silhouette di ballerine volteggianti e le promesse di “vecchi rimedi dagli effetti miracolosi” sono il prodotto di algoritmi che mirano unicamente a buttare l’amo per vedere se qualcuno abbocca. Considerando le tecnologie in grado di ottimizzare la pubblicità e di piazzare i prodotti eludendo qualunque filtro, la possibilità di personalizzare i banner in funzione della ricerca, l’esistenza di aste in tempo reale per gli spazi sui media e il crescente uso di funzioni di localizzazione per i dispositivi mobili – tutte capacità adottate entusiasticamente da aziende ossessionate dal ROI – sarebbe facile concludere...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!