STRATEGIA

SCEGLIERE GLI STATI UNITI

NELLA COMPETIZIONE INTERNAZIONALE

PER ATTRARRE ATTIVITÀ AD ALTO VALORE AGGIUNTO

GLI STATI UNITI STANNO PERDENDO

PIÙ TERRENO DEL DOVUTO.

MICHAEL E. PORTER E JAN W. RIVKIN

Marzo 2012

Una decisione sulla localizzazione delle attività di business è sotto molti aspetti un referendum sulla competitività di un Paese. Quando un'azienda decide, mettiamo, di costruire una grossa fabbrica in Cina o in Polonia anziché negli Stati Uniti, in realtà sta esprimendo un voto sul Paese che può favorirne al massimo il successo nel mercato globale. Questi voti contano: ogni decisione di localizzazione si traduce in posti di lavoro, investimenti, entrate tributarie e sviluppo economico. I Governi, specie quelli dei Paesi più dinamici, competono ferocemente per ciascun voto. La domanda "Dove dovremmo investire?" è più preminente che mai nella mente dei dirigenti. Negli ultimi tre decenni, le attività di business sono diventate sempre più mobili e sono sempre di più i Paesi che se le contendono. Di conseguenza, il numero e la significatività delle decisioni di localizzazione hanno avuto una crescita esplosiva. Diverse evidenze, inclusi i nuovi dati che presentiamo e...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!