INNOVAZIONE & TECNOLOGIA


Il fascino sfuggente del mondo degli hacker

Secondo alcuni autori, la cultura della collaborazione, della condivisione e dell’apertura alla lunga potrà rimpiazzare l’attuale predominio di esclusività, chiusura, individualismo e asimmetria. Ma i dubbi sono legittimi.

Paolo Magrassi

Marzo 2011

«Ho sempre vissuto modestamente. Come uno studente, direi. E la cosa mi piace, perché significa che non è il denaro a dirmi quel che devo fare». [Richard Stallman]   Il 16 febbraio 1984 dovrà essere ricordato come una data storica. Richard Stallman, ventunenne newyorkese con un bachelor in fisica a Harvard, si licenziava dal suo impiego come programmatore al Media Lab del Mit per dedicarsi completamente al progetto che aveva concepito qualche mese prima: costruire da zero un mondo software “libero” in grado di far funzionare ogni computer, fatto in modo cooperativo e senza interferenze da parte di alcun proprietario esclusivo. Copyleft invece di copyright. Dal mondo dei programmi software a quello delle opere dell’ingegno in generale, il passo è stato breve: 25 anni dopo, la mentalità copyleft viene ormai applicata anche a libri, articoli scientifici, brani musicali e così via. Al termine Free and open source software (Foss), comunemente...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!