SPECIALE / STRATEGIE PER UNA RIPRESA DEBOLE

Trovate la vostra strategia nel nuovo scenario globale

La nuova realtà del dopo-crisi richiede un approccio molto più flessibile alla strategia globale e all’organizzazione.

PANKAJ GHEMAWAT

Marzo 2010

IL CROLLO FINANZIARIO DEL 2008 ha colpito duramente l’attività economica in tutto il mondo. Si stima che il valore del commercio internazionale sia calato di ben il 9% nel 2009. Gli investimenti diretti esteri sono crollati ancora di più: dopo la flessione del 15% nel 2008, si sono ridotti di oltre il 40% nel 2009. Anche se possiamo aver già toccato il fondo, le prospettive per il medio termine non sembrano promettenti. Possiamo ragionevolmente aspettarci di assistere per gran parte del prossimo decennio a una debole crescita mondiale, a eccessi di capacità produttiva, alla persistenza di elevati tassi di disoccupazione, a una volatilità dei mercati finanziari, a costi più elevati del capitale, a un ruolo notevolmente più ampio dei Governi, a un onere molto più pesante per tutti in termini di regolamentazione e tassazione, e a un possibile aumento del protezionismo. Se dovesse verificarsi un secondo crollo finanziario, come alcuni...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!