Sfruttare al meglio i network informali del personale

di Richard McDermott e Douglas Archibald

Marzo 2010

I network informali dei dipendenti, o comunità professionali, sono uno strumento poco costoso ed efficiente con cui gli esperti condividono conoscenze e idee. Ma le comunità operano al meglio in presenza di chiare responsabilità e supervisione manageriale.Le comunità efficaci affrontano problemi reali per l’alta dirigenza. Per esempio, alla Pfizer le comunità hanno la responsabilità di aiutare gli addetti alla ricerca e sviluppo a prendere decisioni difficili su questioni inerenti la sicurezza dei farmaci.Le comunità sono come i team ma operano con un’ottica di lungo periodo. Ai consigli per la sicurezza di Pfizer vengono assegnati obiettivi di livello aziendale – quali assicurare che la ricerca sulla sicurezza sia basata sugli ultimi ritrovati scientifici – che i team di progetto, impegnati su progetti specifici, non potrebbero mai conseguire.La tecnologia rende possibile la collaborazione a livello globale, ma le comunità di successo dipendono anche da sistemi gestiti da persone — focus, obiettivi e attenzione del management – che le integrino nell’organizzazione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia