Eureka! Un fondo per l’innovazione

di Nathan Myhrvold

Marzo 2010

L’intuizione. Il mondo ha bisogno di un mercato dei capitali per finanziare le invenzioni come ne ha di un mercato del venture capital per finanziare le start up e di uno del private equity per le aziende in crisi. L’argomentazione. Allo stato attuale l’attività di invenzione, cioè la produzione di idee utili e suscettibili di essere brevettate, non è funzionale ed è sempre a corto di fondi (per i quali dipende eccessivamente dalla disponibilità di finanziamenti pubblici) perché non è organizzata come un’attività for profit.La soluzione. Creare un mercato in cui i brevetti possano essere comprati, venduti e dati in licenza in modo efficiente grazie a fondi di investimento che permettano di gestirne il rischio elevato costruendo enormi portafogli di brevetti e compattandoli in pacchetti che ne massimizzino il valore. I professionisti dell’investimento in invenzioni non si limiterebbero a gestire questi fondi ma fornirebbero altresì dei servizi per supportare aziende, università e singoli inventori nello sviluppo e nella monetizzazione delle proprie creazioni.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia