RISORSE UMANE

Gestite al meglio il modello ibrido

Quando definite modalità di lavoro flessibili, focalizzatevi sui problemi delle singole persone, non solo su quelli istituzionali.

Lynda Gratton

Maggio 2021

Verso la fine di febbraio 2020, quando le implicazioni di Covid-19 iniziavano a diventare chiare, Hiroki Hiramatsu, responsabile globale delle Risorse umane in Fujitsu, si rese conto che l’azienda andava incontro a uno tsunami. Le modalità di lavoro flessibili erano in uso da anni, ma in realtà poco era cambiato. La maggior parte dei manager negli uffici Fujitsu in Giappone continuava a privilegiare le interazioni vis-à-vis con lunghi orari d’ufficio e, secondo un’indagine interna condotta non molto tempo prima, oltre il 74% dei dipendenti considerava l’ufficio il posto migliore in cui lavorare. Ma la pandemia, presagiva Hiramatsu, avrebbe ribaltato tutto. Alla metà di marzo, la maggior parte dei dipendenti di Fujitsu in Giappone (circa 80.000) lavorava da casa. E non ci volle molto perché apprezzassero i vantaggi offerti dalla nuova flessibilità. A maggio, secondo un’indagine di verifica, soltanto il 15% dei dipendenti considerava l’ufficio il posto migliore in cui lavorare....

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!