ESPERIENZE

Autopromozione intelligente

L’arte, e la scienza, complicata di vendersi bene

Leslie K. John

Maggio 2021

Autopromozione intelligente
Sappiamo tutti che il successo sul lavoro dipende in larga misura dal fatto di essere – e di apparire – competenti e simpatici. Volete che capi e colleghi prendano nota della vostra crescita e delle vostre realizzazioni, pur apprezzando la vostra compagnia. Ma ciò vi mette in una situazione delicata: se attirate l’attenzione sul valore che avete creato – per fare in modo che capi e colleghi lo riconoscano – rischiate di apparire sfacciati promotori di voi stessi. Per non parlare della sensazione di fastidio e imbarazzo che proviamo in tanti (tranne i narcisisti) quando ci autopromuoviamo. Il millantatore non piace a nessuno – forse perché la millanteria suscita negli altri invidia, irritazione o addirittura ira. Numerosi studi hanno dimostrato che chi si vanta appare (e spesso è anche) egocentrico, insicuro e insensibile. Nello stesso tempo, dicono sempre le ricerche, i millantatori non appaiono più competenti dei loro omologhi più...

Hai ancora 1 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

1 / 3

Free articles left

Abbonati!