INNOVAZIONE

Deep Tech

La nuova onda d’innovazione che le imprese italiane devono cavalcare

Carlo Bagnoli, Massimo Portincaso

Maggio 2021

DEEP TECH
Il deep tech non è una nuova tecnologia, ma un nuovo approccio all’innovazione aziendale. Più precisamente è la quarta onda d’innovazione e, probabilmente, la più dirompente dopo quelle sprigionate dalla rivoluzione industriale nei campi della chimica, dei materiali, dell’elettricità e comunicazioni, dai grandi laboratori di ricerca aziendali (es.: Xerox Parc e Bell Labs) e, quindi, dalle start-up digitali e bio-tecnologiche (es.: Apple e Genentech). Essa è potenzialmente in grado di avere un impatto sul business e sulla società pari o superiore a quello creato dall’avvento di Internet. L’onda d’innovazione generata da internet ha metaforicamente travolto le imprese italiane che, ancora oggi, solo nel 3,8% dei casi risultano digitalmente “mature”[1]. L’onda che sta generando il deep tech può essere, invece, cavalcata, data la vocazione manifatturiera del sistema produttivo italiano. L’approccio deep tech si fonda, infatti, sulla convergenza tra diversi ambiti disciplinari (scienza e ingegneria, ma anche design) e tra diversi cluster...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!