GESTIRE LE CRISI

Come essere un leader inclusivo nel corso di una crisi

Riconoscere i pregiudizi più diffusi è ancora più importante quando si guida una squadra a distanza.

Ruchika Tulshyan

Maggio 2020

I leader si trovano a fronteggiare una pressione straordinaria in questo momento. Ci si aspetta che prendano rapidamente decisioni anche se dispongono solo di informazioni incomplete e in rapido mutamento. E purtroppo, trovarsi in modalità di crisi può far sì che anche i leader meglio intenzionati cadano in forme di pregiudizio ed esclusione. Le ricerche dimostrano che, quando siamo stressati, spesso non prendiamo decisioni consapevoli e orientate agli obiettivi, ma ci affidiamo all'euristica e all'istinto, piuttosto che a decisioni deliberate e mirate. Eppure, più che mai in questo momento i leader devono dare priorità all'inclusione. Le organizzazioni hanno molte più probabilità di risultare innovative di fronte a questa crisi se cercano il contributo di un gruppo diversificato di dipendenti che affrontano i problemi da una varietà di prospettive. E allo stesso tempo, i dipendenti di gruppi storicamente sottorappresentati possono sentirsi meno sicuri nell’esprimersi. "Ora è il momento per i leader...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!