ORGANIZZAZIONE

Licenziamenti che non danneggiano la vostra azienda

Sandra J. Sucher e Shalene Gupta

Maggio 2018

Licenziamenti che non danneggiano la vostra azienda

prezzo 5,00

Oggi le riduzioni di organico sono diventate la soluzione standard con cui le aziende rispondono al progresso tecnologico e alla competizione globale. Ma la ricerca mostra come raramente i tagli al personale aiutino i leader a raggiungere i loro obiettivi. Troppo spesso questi tagli sono mirati a un risultato a breve termine ma poi il risparmio sui costi è oscurato dalla cattiva pubblicità, dall’emorragia di conoscenze, da un indebolimento dell’engagement, da un turnover volontario più alto e da minore innovazione: tutte cose che a lungo termine danneggiano i profitti.

L’articolo illustra come gestire meglio un mutato bisogno di forza lavoro facendo un uso contenuto delle riduzioni di personale e curando che se queste devono avvenire sia con un processo percepito come equo e con garanzie per le persone coinvolte. La maggior parte degli approcci di successo muove da una filosofia che esplicita impegni e priorità dell’azienda, stabilisce metodi per ricercare alternative al licenziamento (quali aspettativa, riqualificazione e ricollocazione) e definisce le opzioni in tre scenari: presente sano, volatilità a breve termine e futuro incerto.

Come hanno imparato aziende quali AT&T, Michelin, Honeywell e Nokia, un’attenta pianificazione aiuta le organizzazioni ad affrontare le transizioni relative alla forza lavoro e a convivere con le trasformazioni del panorama economico in modo di gran lunga migliore di quanto non possa fare una politica basata sui licenziamenti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia