DIVERSITY

I FALSI MITI SU UOMINI E DONNE

LE RICERCHE DIMOSTRANO CHE I DUE SESSI NON SONO POI COSÌ DIVERSI

CATHERINE H. TINSLEY E ROBIN J. ELY

Maggio 2018

IL DIBATTITO sul trattamento delle donne nel mondo del lavoro recentemente è salito di tono e gli alti dirigenti – sia uomini che donne – sono sempre più categorici nel ribadire che bisogna impegnarsi per raggiungere la parità di genere. Il che va benissimo, ma c’è un però, e non da poco. Troppo spesso i dibattiti, e molte delle iniziative intraprese dalle aziende, riflettono una convinzione errata: che uomini e donne siano fondamentalmente diversi, in virtù dei loro geni, della loro educazione, o di entrambe le cose. Naturalmente delle differenze biologiche esistono, ma non sono quelle di cui si parla solitamente. La retorica consueta verte sul fatto che le donne sarebbero intrinsecamente diverse dagli uomini in termini di indole, atteggiamenti e comportamenti. (Titoli come: «Perché le donne fanno X in ufficio» o «Le donne che lavorano non fanno Y».) Per spiegare l’incapacità delle donne di raggiungere la parità con gli...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!