OPERATIONS

AGILITÀ SU LARGA SCALA

COME PASSARE DA POCHI TEAM A CENTINAIA

DARRELL K. RIGBY, JEFF SUTHERLAND E ANDY NOBLE

Maggio 2018

OGGI LA MAGGIOR PARTE DEI DIRIGENTI AZIENDALI HA UNA CERTA FAMILIARITÀ CON I TEAM DI INNOVAZIONE AGILI. SI TRATTA DI PICCOLI GRUPPI INTRAPRENDENTI PROGETTATI IN MODO DA ESSERE A STRETTO CONTATTO CON I CLIENTI E ADATTARSI RAPIDAMENTE AL MUTARE DELLE CONDIZIONI. SE IMPLEMENTATI IN MODO CORRETTO, QUASI SEMPRE QUESTI TEAM AGILI AUMENTANO LA PRODUTTIVITÀ DEI GRUPPI E NE MIGLIORANO IL MORALE, ABBREVIANO I TEMPI DI COMMERCIALIZZAZIONE, AUMENTANO LA QUALITÀ E RIDUCONO I RISCHI.   Naturalmente, i leader che hanno sperimentato i team agili, o ne hanno sentito parlare, stanno sollevando delle domande ineludibili. Cosa succederebbe se un’azienda creasse decine, centinaia o addirittura migliaia di team agili all’interno dell’organizzazione? Sarebbe possibile per interi segmenti dell’azienda imparare a operare in questo modo? Estendere su scala più ampia questa filosofia migliorerebbe le prestazioni aziendali nella stessa misura in cui migliora i risultati di un singolo team? Nel tumultuoso contesto di mercato di oggi,...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!