LEADERSHIP

LA MALEDIZIONE DEL TALENTO

PERCHÉ GLI ALTI POTENZIALI INCONTRANO DIFFICOLTÀ (E COME POSSONO SFRUTTARLE PER CRESCERE).

JENNIFER PETRIGLIERI E GIANPIERO PETRIGLIERI

Maggio 2017

QUANDO LAVORAVA PER UNA SOCIETÀ di private equity, molto spesso Thomas era ancora sveglio a notte fonda. Due di queste nottate in bianco, però, gli sono rimaste particolarmente impresse. Nella prima stava in un bar. Quel giorno il suo capo lo aveva informato che tra i suoi coetanei era il dipendente con il miglior rendimento. Alla sera, davanti a un bicchiere, aveva attaccato a parlare con il socio di una società concorrente. «Tu sei quello che ha chiuso due affari in sei mesi, vero?», gli chiese l’uomo. Thomas sognava quel momento e lavorava per arrivarci da quando aveva lasciato la sua cittadina, anni prima, per andare a studiare al college, il primo della sua famiglia. Nella seconda nottata in bianco era alla sua scrivania e stava lavorando su un’offerta pubblica iniziale di alto profilo. Era l’unico associato che lavorava su quell’affare (il tipo d’incarico riservato ai talenti migliori, quelli in...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!