IMPRENDITORIALITA'

I due elementi chiave di un’impresa sociale sostenibile

ROGER L. MARTIN E SALLY R. OSBERG

Maggio 2015

Negli ultimi decenni l’imprenditoria sociale si è affermata come mezzo per individuare e innescare cambiamenti capaci potenzialmente di trasformare la società. A metà fra interventismo pubblico e imprenditorialità pura, le imprese sociali sono in grado di affrontare problemi troppo circoscritti per stimolare l’intervento del legislatore o attrarre capitali privati. Per avere successo, queste imprese devono tenere insieme obiettivi sociali e rigidi vincoli di bilancio. Generalmente, lo scopo è favorire un gruppo specifico di persone, trasformando in modo permanente la loro vita modificando l’equilibrio socioeconomico prevalente che le danneggia. A volte, come avviene nel caso dell’imprenditoria ambientale, i benefici possono estendersi a un gruppo più ampio, una volta dimostrata la fattibilità del progetto. Più spesso, tuttavia, l’obiettivo è beneficiare un segmento economicamente svantaggiato o marginalizzato della società, che da solo non ha i mezzi per modificare le proprie prospettive economiche o sociali. L’iniziativa dev’essere anche finanziariamente sostenibile, se non si vuole...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!