PRIVACY

I dati dei clienti: progettare creando trasparenza e fiducia

TIMOTHY MOREY, THEODORE “THEO” FORBATH E ALLISON SCHOOP

Maggio 2015

Con l’esplosione delle tecnologie digitali, le aziende hanno cominciato a raccogliere un’enorme quantità di dati sulle attività dei consumatori, sia online che offline. Questa tendenza è alimentata da una serie di nuovi prodotti intelligenti interconnessi – dai fitness tracker ai sistemi di domotica – che raccolgono e trasmettono informazioni dettagliate. Alcune aziende sono aperte e trasparenti riguardo ai metodi che adottano nella gestione dei dati, ma la maggior parte preferisce tenere i consumatori all’oscuro, privilegia il controllo rispetto alla condivisione e preferisce scusarsi dopo, che chiedere il permesso prima. È prassi corrente anche quella di raccogliere surrettiziamente dati personali che al momento non servono, fidando sul fatto che un giorno potrebbero tornare utili. Come dirigenti ed ex dirigenti della Frog, una società che aiuta i clienti a creare prodotti e servizi facendo leva sui dati personali degli utenti, siamo dell’idea che raccogliere informazioni all’insaputa del cliente sia indice di scarsa...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!