TALENTI di

Nelle assunzioni algoritmo batte istinto

Nathan R. Kuncel, David M. Klieger e Deniz S. Ones

Maggio 2014

Conoscete l’azienda come le vostre tasche. Sapete quali sono i requisiti per le posizioni vacanti. E ora che le Risorse Umane hanno concluso colloqui e simulazioni conoscete anche i candidati, forse anche meglio di come li conoscono i loro amici. Il vostro cervello preparato ed esperto è pronto per sintetizzare tutti i dati e scegliere il candidato più adatto a svolgere il lavoro. E invece dovreste fare un passo indietro: infatti, se vi limitate a elaborare matematicamente i dati e ad applicare l’analisi risultante ai criteri di assunzione, probabilmente la scelta sarà migliore. Gli umani sono molto bravi nello specificare che cosa è necessario per una posizione e nel raccogliere informazioni dagli aspiranti, ma non lo sono altrettanto nel soppesare i risultati. Dalla nostra analisi di 17 studi riguardanti la valutazione dei candidati risulta che una semplice equazione produce risultati migliori rispetto ai decisori umani almeno nel 25 % dei...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!