SPECIALE / L’INNOVAZIONE NEL XXI SECOLO

Gestite il vostro portafoglio di innovazioni

In tutta la vostra organizzazione ci sono persone che perseguono energicamente il nuovo. Ma tutto quell’attivismo si inquadra in una strategia?

Bansi Nagji e Geoff Tuff

Maggio 2012

Il management lo sa, e lo sa anche Wall Street: la sopravvivenza anno dopo anno di un'azienda dipende dalla sua capacità di innovare. Di fronte alle aspettative del mercato, alle pressioni competitive globali, all'entità e al ritmo del cambiamento strutturale, ciò è più vero che mai. Ma i CEO faticano a convincere gli investitori che le proprie iniziative gestionali produrranno una serie di nuove offerte di successo. Molti ammettono di essere insicuri e frustrati. Sono generalmente consapevoli dell'enorme quantità di innovazione in atto nelle loro imprese, ma non pensano di avere sotto controllo tutte quelle iniziative disorganiche. Il perseguimento del nuovo appare casuale ed episodico, e sospettano che i ritorni sull'investimento totale dell'azienda in innovazione siano troppo bassi. Come se non bastasse, i dirigenti tendono a reagire con interventi teatrali e strategie oscillanti. Prendete il caso di un'azienda del largo consumo che conosciamo. Consapevole della necessità di tenere vivi i...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!