RISORSE UMANE

La battaglia per i talenti femminili nei mercati emergenti

Per attrarre e trattenere donne altamente scolarizzate e particolarmente ambiziose nei Paesi in via di sviluppo, le aziende devono capire i problemi sociali che hanno di fronte.

SYLVIA ANN HEWLETT E RIPA RASHID

Maggio 2010

Dopo aver lavorato quasi vent’anni lontano dalla Cina per una società di consulenza globale, una donna che chiameremo Mei ha dovuto rientrare recentemente a Beijing, dove ha seri problemi di equilibrio tra vita personale e vita lavorativa che non hanno niente a che vedere con l’allevamento dei figli. Gli anziani genitori di Mei hanno bisogno di assistenza, e in Cina c’è una forte riprovazione sociale per chi decide di affidarli a personale esterno o di ricoverarli in una casa di riposo. Mei teme che questi obblighi possano incidere negativamente sulla sua carriera. Ma pur avendone facilitato il rientro in patria, l’azienda sembra ignara dei suoi problemi. Negli Emirati Arabi Uniti, una high flyer che chiameremo Rana lavora come analista nella divisione reddito fisso di una banca. L’azienda le offre regolarmente occasioni di sviluppo professionale, ma ultimamente Rana ha dovuto declinare l’invito a un corso di formazione in programma a New...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!