LEADERSHIP

I leader di cui abbiamo bisogno

La generazione X produrrà dei manager che apporteranno all’azienda moderna un particolare senso di realismo.

TAMARA J. ERICKSON

Maggio 2010

Una nuova generazione di leader si accinge ad assumere ruoli di vertice e porta con sé una mentalità completamente nuova. Negli ultimi decenni i figli del baby boom (i boomer) sono stati saldamente al timone delle aziende e di regola hanno accettato di operare in base a una serie di pratiche e di politiche consolidate in tema di retribuzione, gerarchia e aspettative sul modo di operare. I membri della generazione X (gli “X”) , nati tra il 1961 e il 1981, hanno altre idee. Sono più inclini a rifiutare le definizioni tradizionali di successo e a ricercare la loro strada personale. Le differenze si possono far risalire agli anni in cui ciascun gruppo ha raggiunto la maturità e ha sviluppato degli atteggiamenti nei confronti del lavoro e della società. Pur essendo impossibile tracciare dei confini netti tra le generazioni e improduttivo generalizzare eccessivamente: ognuno di noi è – almeno in...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!