TECNOLOGIA

Il modo migliore di introdurre l’intelligenza artificiale

Consideratela uno strumento che aiuta le persone piuttosto che sostituirle.

Boris Babic, Daniel L. Chen, Theodoros Evgeniou, Anne-Laure Fayard

Luglio 2020

Il modo migliore di introdurre l’intelligenza artificiale
IN UN’INDAGINE CONDOTTA DAL WORKFORCE INSTITUTE NEL 2018 FRA TREMILA DIRIGENTI IN OTTO PAESI INDUSTRIALIZZATI, LA MAGGIOR PARTE DEGLI INTERVISTATI HA DESCRITTO L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE COME UN VALIDO STRUMENTO PER MIGLIORARE LA PRODUTTIVITÀ. È facile capire perché: l’intelligenza artificiale (IA) apporta benefici concreti in termini di velocità, precisione e coerenza dei processi (le macchine non commettono errori dovuti alla stanchezza), motivo per cui oggi molti professionisti se ne servono. Alcuni specialisti del settore sanitario, per esempio, usano strumenti basati sull’IA come ausilio per la formulazione delle diagnosi e la definizione delle terapie. I partecipanti all’indagine, tuttavia, hanno anche espresso il timore di perdere l’impiego a causa dell’intelligenza artificiale. Non sono i soli a pensarlo. The Guardian di recente ha riferito che più di sei milioni di lavoratori nel Regno Unito temono di essere soppiantati dalle macchine. Questi sentimenti vengono espressi anche dagli accademici e dai dirigenti che incontriamo in occasione di...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!