CHANGE MANAGEMENT

Far emergere il talento nel quotidiano

Come Michelin dà ai propri team operativi il potere di fare la differenza

Gary Hamel, Michele Zanini

Luglio 2020

Far emergere il talento nel quotidiano
La perdita di “buoni lavori” nell’economia degli Stati Uniti e di altri Paesi ha ispirato un sacco di proposte, tra cui l’obbligo di coinvolgere rappresentanti sindacali nei board aziendali, benefit per i lavoratori della gig economy, riduzioni fiscali per gli investimenti sul capitale umano e un salario minimo garantito. Anche se alcune di queste idee hanno dei meriti, non affrontano quella che noi crediamo sia la radice del problema: la convinzione diffusa che lavori a basso reddito siano svolti da persone con scarse capacità. Un pregiudizio che ha privato milioni di persone dell’opportunità di potenziare le proprie competenze ed esercitare la mente.  L’idea che i dipendenti siano delle macchine semi-programmabili risale ai primi decenni della Rivoluzione industriale, quando la stragrande maggioranza dei lavoratori era poco scolarizzata. Venne poi rinforzata da Frederick Taylor nel 1911 con la pubblicazione dei Principi di organizzazione scientifica del lavoro, in cui descriveva il lavoratore tipico...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!