STRATEGIA

Digitale senza disruption

I risultati migliori possono venire dall’adattamento anziché dalla reinvenzione.

 

NATHAN FURR E ANDREW SHIPILOV

Luglio 2019

Verso la fine di un lungo pranzo in un locale affacciato sulle acque tranquille del lago di Ginevra, il senior vice president di una grande azienda globale ci ha confessato: «Abbiamo una decina di comitati sulla trasformazione digitale; abbiamo iniziative di trasformazione digitale; stiamo marciando a tutto vapore verso la trasformazione digitale … ma nessuno è in grado di spiegarmi cosa significa effettivamente». A livello basico, la risposta è semplice: questa espressione abusata vuol dire semplicemente adattare la strategia e la struttura di un’organizzazione per cogliere le opportunità offerte dalla tecnologia digitale. Non è un problema nuovo – dopotutto, i computer e il software esistono da decenni e hanno modificato sia prodotti e servizi, sia il modo in cui li fabbrichiamo e li eroghiamo. Ma i manager intendeva dire che è diventato sempre più difficile per un’azienda tradurre quella risposta in un piano d’azione. Oggi i computer si possono tenere...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!