SPECIALE / IL PROBLEMA DEL CHIEF MARKETING OFFICER

RIDURRE IL TURNOVER DEI CMO:

La ricetta di un cacciatore di teste

GREG WELCH

Luglio 2017

Ogni due o tre mesi ricevo la telefonata di un CEO che mi chiede un incontro riservato per parlare del suo attuale CMO. Il più delle volte ne è insoddisfatto e sta pensando di sostituirlo. Ma prima vuole passare in rassegna le varie opzioni e avere una panoramica dei migliori talenti a disposizione. La regolarità di queste telefonate mi preoccupa. Potrebbe sembrare illogico, dato che il reddito dei cacciatori di teste dipende da un certo livello di turnover. Ma i miei colleghi e io siamo sinceramente dispiaciuti della frequenza con cui falliscono i CMO. Di solito lo si deve a una cattiva gestione delle aspettative. Oggi i CEO vogliono che i CMO siano gli artefici della crescita, ma non tutti i direttori marketing hanno le capacità, l’esperienza e lo stile di leadership che occorrono per far crescere i ricavi e i profitti, imparando nel contempo a muoversi agevolmente in una...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!