GLOBALIZZAZIONE

LA GLOBALIZZAZIONE NELL’ERA DI TRUMP

IL PROTEZIONISMO CAMBIERÀ IL MODO DI OPERARE DELLE AZIENDE – MA NON CON LE MODALITÀ CHE IMMAGINATE

 

PANKAJ GHEMAWAT

Luglio 2017

I LEADER AZIENDALI STANNO TENTANDO faticosamente di adattarsi a un mondo che pochi immaginavano possibile soltanto un anno fa. Il mito di un mondo senza confini sta andando in frantumi. I pilastri tradizionali del libero mercato – gli Stati Uniti e il Regno Unito – stanno vacillando e la Cina si sta posizionando come il più strenuo difensore della globalizzazione. Nel giugno 2016, il voto favorevole alla Brexit ha lasciato allibita l’Unione Europea e negli Stati Uniti l’atteggiamento dei media nei confronti della globalizzazione è diventato sempre più negativo man mano che avanzava la campagna per le elezioni presidenziali.   Una settimana dopo l’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, mentre si intensificavano i timori di una guerra commerciale, l’Economist ha pubblicato un articolo di copertina, “The Retreat of the Global Company”, in cui proclamava che “la più grande idea di business degli ultimi tre decenni è profondamente in crisi”...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!