SPECIALE / RIPENSARE LA FUNZIONE RISORSE UMANE

Prima le persone, poi la strategia

Un ruolo nuovo per il CHRO

RAM CHARAN, DOMINIC BARTON E DENNIS CAREY

Luglio 2015

I CEO sanno di dover dipendere dalla funzione risorse umane per avere successo. Le imprese non creano valore, le persone sì. Ma se andate a esaminare la stragrande maggioranza delle aziende, scoprirete dei CEO culturalmente distanti dai responsabili delle risorse umane (CHRO) e dalla funzione HR in generale, e spesso anche insoddisfatti di essi. Le ricerche effettuate da McKinsey e dal Conference Board dimostrano costantemente che i CEO di tutto il mondo vedono nel capitale umano un asset fondamentale, ma considerano l’HR solo l’ottava o la nona funzione aziendale in ordine di importanza. È una situazione che deve cambiare. È ora che l’HR faccia lo stesso salto organizzativo che ha fatto la funzione finanziaria negli ultimi decenni e diventi un partner effettivo del CEO. Così come il CFO aiuta il CEO a guidare l’azienda raccogliendo e allocando risorse finanziarie, il CHRO dovrebbe aiutare il CEO sviluppando e allocando collaboratori di...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!