STRATEGIA & CONCORRENZA

Un ecosistema imprenditoriale europeo per l’innovazione

Per superare le strette della difficile situazione economica in Europa, è imperativo sviluppare e utilizzare un “ecosistema imprenditoriale di innovazione” che coniughi austerità e spesa mirata a un nuovo modello di crescita sostenibile.

Mark Esposito, Terence Tse e Olaf J. Groth

Luglio 2014

L’Europa fatica a rientrare sul mercato e molti Paesi si stanno impegnando a fondo per realizzare il cambiamento necessario. Il PIL che continua a languire, insieme alla mancanza di un rigore necessario per combattere la disoccupazione, il deficit fiscale, il debito pubblico e la pressione sui tassi di cambio, dimostra che serve qualcosa di nuovo. Oltre alle ricadute dell’interdipendenza globale, alcuni problemi specifici alla stagnazione europea degli ultimi cinque anni sono “l’incertezza su alcuni aspetti del sistema fiscale, gli insufficienti livelli di concorrenza nel settore dei servizi e la frammentazione del mercato in settori strategici decisivi”[1]. Per superare le strette della difficile congiuntura economica è imperativo sviluppare e utilizzare in Europa un Ecosistema imprenditoriale di innovazione (Entrepreneur-Driven Innovation Ecosystem, EDIE). Innumerevoli sono i fattori all’origine dell’attuale stagnazione economica europea. Affrontarli in un orizzonte temporale ristretto non elimina la vulnerabilità dell’economia a shock e regressioni ricorrenti. E, più importante ancora, non...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!