SELF MANAGEMENT

State al passo coi vostri “quant”

Una guida per navigare i big data a uso di chi è digiuno di matematica

THOMAS H. DAVENPORT

Luglio 2013

«Non so perché non abbiamo tolto i mutui dai nostri libri contabili», mi disse alcuni anni fa un affermato analista quantitativo di una grande banca statunitense. «Avevo un modello che indicava con forza che una buona quantità di essi non sarebbero stati rimborsati e l’ho mandato al capo della nostro settore mutui». Quando chiesi al dirigente del settore mutui perché aveva ignorato il consiglio, egli disse: «L’analista mi ha mostrato un modello, ma non era tale che io potessi farmene un’idea. Non sapevo nemmeno che il suo gruppo stava lavorando sulle probabilità di rimborso». La banca finì per perdere miliardi in prestiti inesigibili. Viviamo nell’era dei big data. Che lavoriate nei servizi finanziari, nei beni di consumo, nei viaggi e trasporti o nei prodotti industriali, gli analytics stanno diventando per la vostra organizzazione una necessità competitiva. Ma, come dimostra l’esempio bancario, avere i big data – e anche persone che...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!