ORGANIZZAZIONE & CULTURA

Il primo giorno è quello che conta

Come dare a un nuovo dirigente il miglior inizio possibile

SUZANNE DE JANASZ, KEES VAN DER GRAAF E MICHAEL WATKINS

Luglio 2013

Qualche anno fa, Kees van der Graaf, uno degli autori di questo articolo, venne promosso alla guida della divisione food di Unilever, prendendo il posto di quello che era appena divenuto Amministratore delegato. Era elettrizzato al pensiero che i risultati conseguiti gli avessero permesso di scalare in un colpo solo due livelli della gerarchia Unilever, fino a portarlo alla direzione della sua unità più grande. La notizia del suo incarico venne resa pubblica immediatamente, secondo i regolamenti di borsa inglesi e americani. Quella mattina, era stata organizzata una riunione durante la quale Van der Graaf sarebbe stato presentato al suo nuovo management team. Appena prima del suo inizio, der Graaf ricevette una telefonata che lo informava che il nuovo CEO era bloccato in una serie di interviste con la stampa e che, quindi, non avrebbe potuto partecipare e presentarlo lui stesso. Quando Van der Graaf entrò nella stanza, trovò i...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!