GRANDI IDEE


UN NUOVO APPROCCIO
ALLA GESTIONE DEL RISCHIO

LE AZIENDE AVVEDUTE ADEGUANO LE PROPRIE METODOLOGIE ALLA NATURA DELLE MINACCE CHE HANNO DI FRONTE.

ROBERT S. KAPLAN E ANETTE MIKES

Luglio 2012

QUANDO TONY HAYWARD DIVENNE CEO DELLA BP, NEL 2007, si impegnò a dare la massima priorità alla sicurezza. Tra le nuove regole che introdusse c'erano l'obbligo per tutti i dipendenti di tenere il coperchio sulla tazza del caffè mentre camminavano e di astenersi dall'inviare SMS mentre guidavano. Tre anni dopo, sotto gli occhi di Hayward, la piattaforma petrolifera Deepwater Horizon è esplosa nel Golfo del Messico, causando una delle peggiori catastrofi di origine umana della storia. Una commissione d'inchiesta del governo americano ha attribuito il disastro a delle carenze di supervisione che hanno minato "la capacità delle persone coinvolte di identificare i rischi che avevano di fronte e di valutarli, comunicarli e affrontarli correttamente". La vicenda di Hayward riflette un problema comune. Ad onta di tutta la retorica e dei cospicui investimenti effettuati, il risk management viene considerato troppo spesso un problema di rispetto delle norme (compliance) che si può...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!