Azionisti

Che contributo danno gli azionisti?

Gli investitori dovrebbero fornire capitali, informazioni e controllo. Spesso lo fanno troppo poco.

Justin Fox e Jay W. Lorsch

Luglio 2012

Il percorso per dirigenti aziendali e azionisti appare bloccato. I dirigenti lamentano, con qualche ragione, il fatto che l'invadenza e la focalizzazione sul futuro degli investitori stanno rendendo ancora più difficile lo svolgimento efficace del proprio lavoro. Da parte loro, gli investitori si lamentano (con altrettante ragioni) di dirigenti che intascano compensi da capogiro in cambio di risultati mediocri. I consigli di amministrazione si trovano presi in mezzo e subiscono la pressione crescente di doversi comportare da guardiani e controllori, anche se è provato che funzionano meglio nelle vesti di consiglieri amichevoli. Questo punto morto è il frutto di un percorso avviato negli anni '70, quando, dopo un lungo periodo in cui i manager avevano preso tutte le decisioni, il potere cominciò a spostarsi nella direzione degli investitori. Lo spostamento, benché avesse motivazioni sociali e politiche, venne anche favorito dall'affermarsi di una filosofia del predominio degli investitori, nata all'interno del...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!