Leadership

La nuova psicologia della leadership strategica

Cosa occorre per essere innovativi? Nuove risposte ci vengono offerte dalle scienze cognitive. 

Giovanni Gavetti

Luglio 2011

Nel suo classico articolo sulle “cinque forze” Michael Porter esordisce affermando che: «Il compito di chi elabora la strategia consiste essenzialmente nel capire e affrontare la concorrenza. Tuttavia spesso i manager ne danno una definizione eccessivamente restrittiva». Anche nel nostro caso sarebbe difficile immaginare un’introduzione più appropriata. In questo articolo sostengo, infatti, che le idee oggi dominanti nella pratica della business strategy – le stesse definite trent’anni fa dal saggio di Porter – sono imperniate su un’interpretazione specifica e quindi parziale del concetto di concorrenza. Di conseguenza parziale è anche la concezione del compito di chi elabora la strategia. Il problema non sta in ciò che questi è formato a fare; la prospettiva di Porter è molto solida, così solida da aver dominato l’insegnamento e la pratica della business strategy per trent’anni. Il problema sta piuttosto in quello che i leader strategici non sono allenati a fare. Se volessimo visualizzare...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!