Intervista a Howard Schultz Starbucks: «Abbiamo dovuto ammettere i nostri errori»

di Adi Ignatius: Intervista a Howard Schultz

01 Luglio 2010

Due anni fa Starbucks entrò in crisi e Schultz fu richiamato a ricoprire per la seconda volta il ruolo di CEO. In quest’intervista parla degli effetti della crisi finanziaria sulle vendite di Starbucks, dell’emergere di una forte concorrenza, della blogosfera e delle difficoltà di restare autentici nelle difficoltà. Schultz definisce i valori, la cultura e il rapporto di fiducia di Starbucks con i dipendenti “il solo asset di cui disponiamo in quanto azienda”. Egli ha considerato il mantenimento e l’arricchimento di questo asset come la propria principale sfida. Ciò ha comportato un rifiuto di ricorrere al sistema del franchising o di intaccare la qualità, ma anche di cambiare la generosa copertura sanitaria garantita dall’azienda.Una mossa coraggiosa è stata quella di portare 10.000 direttori di negozio a New Orleans per una conferenza che è iniziata con oltre 50.000 ore di servizio alla collettività e con un investimento di un milione di dollari in progetti locali. Lo scopo della conferenza è stato di galvanizzare l’intera leadership aziendale e sottolineare la responsabilità individuale. Schultz ritiene che senza quell’esperienza non avrebbe potuto raddrizzare le sorti di Starbucks.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti