GRANDI IDEE

Il management non è una professione

Ci sono delle competenze manageriali che non si possono insegnare nelle business school. Vanno apprese con l'esperienza.

Richard Barker

Luglio 2010

È naturale considerare il management una professione. La condizione di un manager è simile a quella di un medico o di un avvocato e anche per lui vale l'obbligo di contribuire al benessere della società. Anche i manager possono ricevere una formazione e una specializzazione, soprattutto attraverso un MBA. Se il management è una professione, ne deriva che le scuole di business sono delle scuole professionali. È stata questa percezione ad alimentare le critiche nei confronti delle business school durante la recente crisi economica. Sono state messe sotto accusa per non essere riuscite nell’impegno che si sono assunte di formare leader socialmente responsabili. La stessa percezione ha determinato la reazione che le scuole hanno scelto di adottare vero una maggior professionalizzazione. Scrivendo sul numero di giugno 2009 della Harvard Business Review, Joel Podolny, ex preside della Yale School of Management, ha sostenuto: «Un'occupazione si conquista il diritto di essere professione...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!