ESPERIENZE

Potenziare la crescita con il private equity

Il CEO di New Mountain Capital spiega come è nato il successo di una software house che ha venduto lo scorso anno a Panasonic per 8,5 miliardi di dollari

Steve Klinsky

Giugno 2022

Potenziare la crescita con il private equity
DODICI ANNI FA, nel 2010, la mia società di private equity, New Mountain Capital, acquisì per 565 milioni di dollari una quasi sconosciuta software house del Wisconsin, RedPrairie. La stessa azienda, che ora si chiama Blue Yonder, è stata rivenduta a Panasonic nel settembre 2021 per un totale di 8,5 miliardi. Circa 5,7 miliardi del valore guadagnato provengono da crescita organica e non da acquisizioni. Un successo che non è fondato su un qualche colpo di fortuna, su una rivoluzione tecnologica o su un nuovo prodotto, ma che è invece il risultato di continui investimenti e miglioramenti nella gestione, strategia e governance dell’azienda stessa. Questo è l’approccio che le migliori società di private equity applicano da anni in migliaia di aziende di tutti i settori. Raccontando come New Mountain ha trasformato Blue Yonder, spero di illustrare con precisione come le società di private equity creano valore per le aziende e...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!