LEADERSHIP

Il costo elevato di piani di successione mediocri

Un modo migliore per trovare il vostro prossimo CEO

Claudio Fernández-Aráoz, Gregory Nagel, Carrie Greeb

Giugno 2021

Il costo elevato di piani di successione mediocri
Nell’agosto 2013, Steve Ballmer annunciò all’improvviso che si sarebbe ritirato dalla posizione di chief executive di Microsoft non appena si fosse trovato un sostituto. Iniziò così una delle più importanti ricerche di un CEO dell’ultimo decennio – e un case study sulle cose da fare e da non fare quando si lavora alla successione per le posizioni di leadership. All’epoca, Microsoft era la terza azienda più profittevole degli Stati Uniti e la quarta di maggior valore. Ciononostante, questo rispettato gigante della tecnologia non sembrava avere un piano per sostituire Ballmer anche se quest’ultimo, secondo gli osservatori meglio informati, realizzava da qualche anno performance non soddisfacenti (i critici citano a questo proposito la sua lentezza nel passare alla telefonia mobile, ai social media e al video, oltre alla sua sfortuna nelle acquisizioni e nel rilancio di determinati prodotti). Anche se alcuni dirigenti di alto profilo, come il capo di Windows Steven...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!