MARKETING

Quando il marketing sposa una missione

Cosa fanno i marchi per affrontare le sfide sanitarie globali

Myriam Sidibe

Giugno 2020

A prima vista, un marchio di birra potrebbe sembrare un alleato insolito in una campagna per estirpare la violenza contro le donne. Ma la correlazione evidente fra alcool e comportamenti violenti ha fatto capire alla Carling Black Label, l’etichetta più diffusa in Sudafrica, che era giunto il momento di raccogliere la sfida. Per molto tempo il marchio si era rivolto esclusivamente agli uomini e i suoi messaggi pubblicitari ruotavano intorno al concetto di mascolinità. Negli anni Ottanta i suoi spot televisivi avevano come protagonisti due mandriani che, dopo una lunga giornata di lavoro, si gustavano come premio una Carling ghiacciata. Negli anni Novanta, quando il Sudafrica abolì l’apartheid, le pubblicità della marca di birra raffiguravano una nazione di costruttori: ora gli eroi erano uomini qualunque, forti, onesti e laboriosi. Negli anni Duemila il marchio iniziò a rivolgersi agli imprenditori e alla generazione emergente di self-made man, i nuovi modelli sociali...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!