DATA MANAGEMENT

QUALE STRATEGIA UTILIZZATE PER I VOSTRI DATI?

LA CHIAVE È BILANCIARE OFFESA E DIFESA

LEANDRO DALLEMULE E THOMAS H. DAVENPORT

Giugno 2017

Oggi più che mai, la capacità di gestire enormi quantità di dati è critica per il successo di un’azienda. Ma anche dopo la nascita delle funzioni di data management e dei chief data officer (CDO), quasi tutte le imprese sono ancora molto indietro. Studi trasversali dimostrano che, in media, meno di metà dei dati strutturati in possesso di un’organizzazione vengono usati attivamente per prendere decisioni – e meno dell’1% dei dati destrutturati vengono analizzati o utilizzati in qualche modo. Più del 70% dei dipendenti hanno accesso a dei dati che non dovrebbero conoscere e l’80% del tempo degli analisti viene dedicato unicamente a scoprire e a organizzare dei dati. Le violazioni dei dati sensibili sono all’ordine del giorno, i dati “inquinati” si propagano all’interno della struttura e spesso la tecnologia impiegata dalle imprese per gestire i dati non è all’altezza del compito. Avere un CDO e una funzione di data...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!