GRANDI IDEE

M&A: quello che non dovete sbagliare

ROGER L. MARTIN

Giugno 2016

Nel 2015 il mondo della finanza ha fissato un nuovo record per le fusioni e acquisizioni. Il valore di queste operazioni commerciali ha eclissato il primato precedente, del 2007, che a sua volta aveva superato quello del 1999. Ma non è detto che sia un buon auspicio: con tutto il rispetto per il compianto Prince, il party in corsa ricorda quello del 1999, per non parlare del 2007: e l’euforia di quegli anni fu il presagio di tempi difficili, nel 2000-2002 e nel 2008-2009. È ancora troppo presto per sapere come andranno a finire le acquisizioni più recenti, ma lo schema apparentemente senza età di clamorosi insuccessi non conosce soste. Nel 2015 la Microsoft ha dovuto svalutare il 96% del valore del settore dei cellulari acquisito dalla Nokia l’anno prima per 7,9 miliardi di dollari. Nel frattempo, Google si è sbarazzato, per 2,9 miliardi, del settore cellulari acquisito dalla Motorola...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!