SPECIALE / L’UOMO E LA MACCHINA

L’impresa che si autoregola

Come Alibaba usa il pensiero algoritmico per reinventarsi costantemente

MARTIN REEVES, MING ZEN E AMIN VENJARA

Giugno 2015

NON SAREBBE BELLO se un algoritmo fosse in grado di dirvi quando sviluppare un nuovo modello di business o se entrare in un nuovo mercato? Mentiremmo se dicessimo che esiste un algoritmo di questo tipo. Non esiste, e non immaginiamo ancora un futuro prevedibile in cui gli algoritmi (o altre forme di intelligenza artificiale) potranno rispondere a interrogativi strategici così difficili. Ma siamo convinti che stia emergendo un fenomeno altrettanto interessante: la possibilità per le organizzazioni di applicare principi algoritmici in modo da apportare aggiustamenti frequenti e calibrati ai modelli di business, ai processi di allocazione delle risorse e alle strutture - senza direttive del vertice. È un’affermazione provocatoria, ma si basa su sviluppi reali che abbiamo osservato in Internet companies come Google, Netflix, Amazon e Alibaba – aziende che sono diventate straordinariamente brave nella ridefinizione automatica delle proprie offerte per milioni di singoli clienti, sfruttando dati in tempo reale...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!