SPECIALE / L’UOMO E LA MACCHINA

Il grande disaccoppiamento

La produzione è in crescita, ma i lavoratori non partecipano al banchetto.

Giugno 2015

Intervista agli autori di The Second Machine Age Le macchine, a quanto pare, possono fare praticamente tutto ciò che possono fare gli esseri umani. Persino le automobili stanno imparando a guidarsi da sole. Cosa significa tutto questo per le imprese e per l’occupazione? Resteranno ancora dei lavori per noi esseri umani? Le macchine assorbiranno non solo i compiti ripetitivi ma anche quelli altamente professionali? Se un uomo e una macchina lavoreranno fianco a fianco, chi dei due prenderà le decisioni? Sono alcuni degli interrogativi che si pongono alle aziende, ai settori e alle economie man mano che le tecnologie digitali trasformano il business. Il progresso tecnologico migliora il nostro mondo ma porta con sé anche nuovi problemi, dicono Erik Brynjolfsson e Andrew McAfee, membri del corpo docente della MIT Sloan School of Management, che studiano da anni l’impatto della tecnologia sulle economie. Il loro ultimo libro, The Second Machine Age:...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!