GRANDI IDEE

Individuare i talenti nel 21º secolo

Perché oggi il potenziale conta più dell'intelligenza, dell'esperienza e delle "competenze"

Claudio Fernández-Aráoz

Giugno 2014

Alcuni anni fa mi hanno chiesto di cercare un nuovo CEO per un'azienda familiare specializzata nella distribuzione di prodotti elettronici che voleva professionalizzare il management ed espandere l'attività. Ho lavorato a stretto contatto di gomito con il CEO uscente e con il board per identificare le competenze necessarie e poi cercare e valutare i candidati. Il dirigente che abbiamo assunto aveva tutte le credenziali giuste: aveva frequentato le migliori business school, aveva lavorato per alcune delle migliori organizzazioni del settore ed era l'apprezzato country manager di una delle aziende più ammirate del mondo. E, cosa ancora più importante, superava il livello-target per ognuna delle competenze che avevamo identificato. Ma nessuno di quei fattori contava più di tanto. Nonostante il suo eccellente background e la piena aderenza ai requisiti della posizione, non è riuscito ad adeguarsi ai grandi cambiamenti tecnologici, competitivi e normativi in corso all'epoca in quel mercato. Dopo tre...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!