SPECIALE / GLI INVESTITORI FANNO MALE AL BUSINESS?

Il dilemma del capitalista

Gli strumenti che usiamo per decidere i nostri investimenti non sono in grado di identificare le migliori opportunità per la creazione di nuovi posti di lavoro e di nuovi mercati.

Clayton M. Christensen e Derek van Bever

Giugno 2014

Come una vecchia macchina che emette un rumore nuovo e inquietante, la cui origine è incomprensibile anche per i meccanici più esperti, l'economia mondiale si sta riprendendo faticosamente dalla recessione del 2008. Date un'occhiata a quello che sta accadendo negli Stati Uniti: ancora oggi, 60 mesi dopo la fine ufficiale della recessione, l'economia americana continua ad arrancare, facendo registrare una bassa crescita e un incremento marginale dell'occupazione. Una considerazione importante è che nonostante dei tassi di interesse ai minimi storici, le imprese continuano a tenere una liquidità gigantesca e non investono in innovazioni che potrebbero promuovere la crescita. Di qui una serie di domande: cosa determina questo comportamento? Mancano veramente le opportunità o sono i dirigenti che non riescono a vederle? E come si collega questo tipo di comportamento alla debolezza complessiva dell'economia? Che cosa inibisce la crescita? Quasi tutte le teorie della crescita vengono sviluppate a livello macroeconomico –...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!