SPECIALE / LA STRATEGIA PER LE FASI DI TURBOLENZA

Qual è la teoria della vostra azienda?

Concentratevi di meno sul vantaggio competitivo e di più sulla crescita che crea valore

TODD ZENGER

Giugno 2013

Se chiedessero loro di definire la strategia, quasi tutti i dirigenti se ne verrebbero probabilmente fuori con una risposta simile a questa: la strategia consiste nello scoprire e prendere di mira mercati attrattivi e quindi sviluppare al loro interno posizioni che assicurino un vantaggio competitivo duraturo. Le aziende conquistano queste posizioni configurando e organizzando risorse e attività in modo da fornire un valore specifico ai clienti o un valore comune a un costo particolarmente basso. La visione “posizionale” della strategia è ancora centrale nei programmi delle business school di tutto il mondo: quelle posizioni preziose, protette dall’imitazione e dall’appropriazione, garantiscono flussi continuativi di profitto. Sfortunatamente, gli investitori non ricompensano i senior manager per il semplice fatto di occupare e difendere delle posizioni. Le Borse pullulano di aziende che hanno posizioni solide e azioni il cui prezzo non vuole saperne di aumentare. Il colosso della distribuzione al dettaglio Walmart è un...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!