GRANDI IDEE

Missioni temporanee

Il nuovo patto tra datore di lavoro e lavoratore

REID HOFFMAN, BEN CASNOCHA E CHRIS YEH

Giugno 2013

PER QUASI TUTTO IL XX SECOLO, il contratto implicito tra datori di lavoro e lavoratori nei Paesi sviluppati si è incentrato sulla stabilità. Nelle grandi imprese il posto di lavoro era sicuro: finché l’azienda andava bene dal punto di vista finanziario e il dipendente faceva il suo dovere, il posto non si toccava. E nel mondo dei “colletti bianchi” le carriere progredivano con una sorta di ascensore, nel senso che si offrivano avanzamenti prevedibili a coloro che rispettavano le regole. Le imprese, da parte loro, apprezzavano la fedeltà dei dipendenti e la bassa rotazione del personale. Poi sono arrivate la globalizzazione e l’era dell’informazione. La stabilità ha lasciato il posto a cambiamenti rapidi e imprevedibili. L’adattabilità e l’imprenditorialità sono diventate critiche per ottenere e mantenere il successo. Questi cambiamenti hanno fatto venir meno il tradizionale patto tra datore di lavoro e lavoratore e l’ascensore di carriera che vi si accompagnava...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!